Abstract

Armonizzazione dell’estetica facciale: La “Chirurgia ancillare”

di Bertossi Dario

Per dare armonia al terzo inferiore e medio del viso è una delle sfide più entusiasmanti della chirurgia plastica facciale. Poiché i tessuti rigidi e morbidi sono strettamente correlati anatomicamente, attraverso lo spostamento tridimensionale delle sezioni scheletriche si possono ottenere notevoli miglioramenti estetici. Quando pensiamo alla chirurgia maxillo mandibolare, pensiamo ai pazienti che necessitano di un intervento chirurgico a causa di vari gradi di malocclusione. Tuttavia, sebbene molti pazienti vengano da noi per ragioni funzionali, manifestano naturalmente anche preoccupazioni diverse. Una domanda più frequente è, guarderò meglio dopo che il mio problema funzionale è stato corretto? Noi, in quanto chirurghi, dobbiamo considerare attentamente questa domanda. La chirurgia ortognatica e la chirurgia estetica dei tessuti molli sono spesso considerate attività cliniche separate. Nella chirurgia ortognatica sono previsti miglioramenti funzionali, ma ulteriori correzioni possono essere apportate anche su basi esclusivamente estetiche. Questo tipo di chirurgia non solo corregge le malocclusioni come una deformità del morso aperto che non può essere corretta con l'ortodonzia conservativa, ma consente anche agli ortodontisti e ai chirurghi di trattare quelli che sono considerati problemi puramente estetici. Pertanto, i criteri per il successo del trattamento devono essere definiti in modo più rigoroso. Il trattamento ortognatico di successo deve non solo raggiungere la correzione degli aspetti funzionali della deformità scheletrica, ma anche essere giudicato in base al miglioramento estetico. Pertanto, crediamo che i chirurghi debbano adattare i loro protocolli diagnostici e di trattamento alla struttura facciale dell'individuo. Tenendo presente questo, la grande varietà di tratti morfologici che ora più che mai devono essere considerati, richiede un'attenzione particolare per quanto riguarda gli attuali criteri estetici. L'estetica del viso non è un'entità costante, ma è influenzata dall'età e dalla struttura sottostante dello scheletro, quindi discuteremo alcune linee guida sulla chirurgia estetica facciale del viso e spiegheremo come facciamo la nostra analisi clinica.

Obiettivi di apprendimento

1) Come diagnosticare le malformazioni facciali; 2) Come ridurre l’invasività delle procedure facciali; 3) Come prevenire le complicanze.